Inadatto al volo di Ilaria Giannini [2° anticipazione]

«Che vuol dire che non ci può fa’ niente?».
Dall’altro capo del filo, il nonno è così irritante che mi viene voglia di frantumare il cellulare sul marciapiede. Sto andando a casa e la prima pioggia di primavera mi bagna i capelli.
«Che ne so io, Luchì, m’ha detto che gli dispiace ma che lui sta proprio in un altro settore e non ci conosce nessuno in Comune e comunque non gli sono mai piaciute ‘ste cose, le raccomandazioni e lì ho dovuto dargli ragione, eh».
«Ma vi siete tutti messi d’accordo per pigliarmi per il culo? Il tu’ cosiddetto amico t’ha detto una cazzata, sono tutti raccomandati in Comune e vedrai che anche dove sta lui non sarà tanto diversa la musica, eh, solo non c’ha voglia di sbattersi cinque minuti della sua vita per me e lo capisco pure, e scommetto che te hai lasciato subito perde’ eh, ci mancherebbe a insistere, a dare noia».
«Ma che dovevo fa’, precipitarmi a casa sua col fucile? Ascoltami Luchì, lascia perde’ il Comune, trovati un altro lavoro, quella non è roba per noi».
«Oh nonno ma che vuoi che trovi! Dio perbene, non fossi te ti manderei in culo! Posso fa’ di nuovo il cameriere, al massimo dare ripetizioni ai ragazzini, ma che ti credi che in questi anni non abbia mandato curriculum a destra e a sinistra, eh? Ce ne fosse uno che m’ha risposto! Anzi, m’hanno scritto sì, ma dall’estero, vuoi che me ne vada in Germania o in Inghilterra, eh?».
«Per l’amor di dio, Luchì, mi vuoi far mori’ senza rivederti più!».

La pioggia sta aumentando: mi riparo sotto la serranda di un bar ma continuo a bagnarmi le scarpe. Le ho pagate talmente poco che temo potrebbero sfaldarsi adesso, mentre il nonno va avanti col suo melodramma del nipote malvagio, che l’abbandona nel suo letto di dolore, come se non avesse mia madre che va da lui tutti i giorni.
«Certo se il Lucchesi facesse ‘sto sforzo, basterebbe una telefonata, un’allusione velata, guarda andrebbe bene anche una mail che dice: abbiamo una conoscenza comune».
«Oh che è la malle?».
«Lascia perdere nonno, ti invito in Germania, così prima di morire prendi anche l’aereo, eh? Ti garba l’idea?».
«Oh, non fa il bischero, montaci te su quei cosi per aria! Domani mattina lo vado a trova’ e ci parlo, vedrai che in faccia non me lo dice di no, io gli ho salvato la vita quel giorno, ho ammazzato un tedesco che gli stava per spara’, voglio vede’ se lui non alza il telefono!».
«Bravo ma spicciati e fammi sapere!».

Butto il cellulare in fondo alla tasca e mi spingo i pollici contro le palpebre. Ho bisogno di un amaro. Entro nel bar e mi bevo un Cynar, mentre fuori il diluvio s’accanisce contro due palme rovinate dal vento. Io, ‘sta moda delle palme non l’ho mai capita: sono sempre brutte, ridicole lontane dal loro contesto naturale.
Come me: io dovrei insegnare in una scuola, i ragazzi a cui davo ripetizioni mi adoravano, sapevo motivarli, incuriosirli senza fare il finto amico e invece niente. Devo sentirmi dare del fannullone dal Nocera, uno che davvero nella sua vita non ha mai fatto un cazzo, se non approfittarsi delle situazioni: laurea a trentun anni dopo una militanza attiva in formazioni extra-parlamentari, la fama locale, il divertimento e poi la conversione al PCI che subito gli trova un posticino e da lì la scalata, cambiando sempre bandiera secondo dove tirava il vento, diventando il metereologo migliore sulla piazza.
Arrabbiarsi non serve: pago e sono di nuovo sotto la pioggia. Torno a casa. Da Michela.
Nella mia prima sera da disoccupato.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...